Maria Grazia Battaggia
Moglie dell’attore Eugenio Cassarino, si occupa del trucco collaborando con Giancarla Marmo (Edipo Re, La Locandiera, Il re muore, Lo zoo di vetro, Atti unici di Cechov e Tolstoj).

Piero Castello
Nato a Torino il 21 ottobre 1939, dopo qualche positiva esperienza in palcoscenico e una laurea in architettura si dedicò alla scenografia e all'illuminazione scenica.
Collaborò in tale settore con Enzo Panizzi poi con Sergio Albano e con Laura Lazzari Moro agli allestimenti di Amleto, Macbeth, Processo al medioevo e Le allegre comari di Windsor, dimostrando un'assoluta professionalità e una capacità tecnica e realizzativa ineccepibili.

Maria Comina
Ha partecipato a tutti gli spettacoli dall'Edipo Re in poi.
Ne "Le Regine di Francia" di Thornton Wilder interpreta la parte della "Vecchia Signora” entrando in scena su una sedia a rotelle spinta da Giorgio Macor, completamente coperta da un mantello, con cappello e veletta: non ha detto una parola, ma la sua mano tremava tipo Parkinson... :)
Ha suggerito, più o meno a voce alta, ne “L’Edipo Re”, “Il Re muore” e lo “Zoo di vetro”.
Prima di lei avevano svolto il ruolo di suggeritrici Laura Motta ed Enrica Gioda, seguite poi da Giorgina Valobra.

Lina Gaggero
Nata a Torino, iniziò con esperienze interpretative nella Compagnia Teatrale Vittorio Alfieri (Attrice in Amleto, Lady Mcduff in Macbeth, l'Avvocato difensore in Processo al medioevo, Madm.selle Pontevin ne Le regine di Francia, Lettrice in Una partita a scacchi, Corsita verdiana in Donna, svelami, narra.., l'Uccellino in Pierino e il lupo, la Pastorella ne Il malato immaginario, per passare poi a ruoli tecnici, distinguendosi come Direttore di Scena in numerosi allestimenti, dimostrando efficacia e professionalità e contribuendo in modo notevole alla riuscita degli spettacoli a lei affidati.

Marilena Goria
Coreografa e Maestra di ballo di fama nazionale, dopo aver diretto per anni il Royal Ballet collaborò con la Compagnia Teatrale V. Alfieri in numerosi spettacoli. Vanno ricordate le coreografi del Malato immaginario al Carignano, delle Allegre comari di Windsor allo Juvarra, di Bacco e Arianna al Matteotti di Moncalieri, di Edipo re al Gobetti, de La locandiera, del Sogno di una notte di mezza estate al Nuovo, della Sensale di Matrimoni ancora al Nuovo e del Borghese gentiluomo al S.Giuseppe. Notevole impgno ha richiesto anche La visita della vecchia signora di Durrenmatt, purtroppo coreograficamente incompiuto per la morte della Goria, sinceramente rimpianta da tutta la Compagnia per le sue doti umane oltrechè professionali. Un cenno a parte merita la sua interpretazione mimica del Naso di Gogol-Moro. La sua collaborazione è sempre risultata indispensabile alla riuscita degli spettacoli che grazie alla sua capacità hanno conosciuto momenti di alta professionalità.

Giancarla Marmo
Negli anni giovanili partecipa al teatro professionale con Macario e Walter Chiari. Dopo un lungo periodo di “silenzio” per impegni familiari rientra nell’ambiente teatrale con la Compagnia Vittorio Alfieri, svolgendo mansioni di aiuto regista (La vita è sogno, 1993; Il malato immaginario, 1996; Malati e medici a tearo, 1996; La follia del vivere, 1997 e 1999; Le allegre comari di Windsor, 1998) e di truccatrice (Macbeth, Processo al Medioevo, Il malato immaginario, Malati e medici a teatro, Edipo Re, La Locandiera, Lo Zoo di vetro).
Nel 2015, dopo lunga malattia, si è spenta lasciando un grande vuoto nella Compagnia.

Giusy Musso
Ha conseguito il Diploma Universitario dell'Accademia Albertina di Belle Arti di Torino frequentando il Corso di Scenografia.
Ha frequentato il Corso post diploma I.F.T.S. “Tecnico superiore per la conservazione dei beni architettonici”, 1200 ore, Torino 2004.
Stage c/o la ditta R.I.C.T. Tauro, per un totale di 360 ore, con mansioni di aiuto restauratore presso le strutture Castello del Valentino e la Facoltà di Architettura di Torino, nonché il Seminario di allestimenti scenici “Sinapsi” a cura di Nonsoloteatro, Villar Pellice, 2002.
Nell’ambito teatrale si occupa di Scenografia , assistenza alla regia, direzione di scena e costumi.
Ha organizzato laboratori teatrali e di animazione rivolti ai bambini.
Per la compagnia Vittorio Alfieri ha curato la Scenografia de: “Lo Zoo di vetro”, “La Locandiera”, “Edipo re” e “Piccola Città”.
Nel 2009 ha scenografato “Il Re muore” di Jonesco per il quale è stata anche aiuto regista ed interprete del personaggio della regina Marguerite.
Altri impegni come scenografa sono stati per: “Camere da letto”, “Chi non muore si ravvede”, “Gesù” (regia di F. Branciaroli), oltre alla scenografia e costumi per “L’Ippocampo”.
Ha curato scenografia e direzione artistica per la manifestazione “Lady Chic”.
Ha partecipato ad allestimenti per Experimenta e per Pianeta Preistoria.
Collabora anche con altre compagnie teatrali come la Piccola Compagnia del Giglio, il Teatro degli Strilloni, la Clessidra, il Teatro delle Dieci.
Allestisce Spettacoli per le scuole dell’infanzia, rappresentazione scenica di fiabe con costruzione ed allestimento scenografico di teatrino e personaggi, collabora con la Compagnia Vittorio Alfieri anche in veste di attrice (Il re muore, Il borghese gentiluomo, La visita della vecchia signora, Esami di maturità).
Tel. 349.6672838

Gian Rosmino
Ha lavorato per moltissimi anni con la ricostituita Compagnia Teatrale Vittorio Alfieri in veste di tecnico del suono e collaboratore alla scelta delle musiche di scena. Il suo nome figura sulle locandine de “La vita è sogno”, “Malati e medici a Teatro”, “La follia del vivere”, “Processo a Gesù”, “Le allegre comari di Windsor”, “Piccola città”. Presente a tutti gli spettacoli, ha unito alla bravura di fonico una grande simpatia umana che l'ha reso amico graditissimo a tutti i membri della Compagnia Vittorio Alfieri. Una grave malattia, durante la quale non ha cessato di lavorare con la Compagnia, l'ha portato via definitivamente dal gruppo teatrale.
Era sua speranza e volontà collaborare ancora ad "Edipo re", ma Qualcuno lassù ha deciso diversamente. E' con grande affetto che tutti lo ricordiamo. (Nico Castello)
“...oggi riposa in un mondo migliore sotto un baldacchino di stelle.”
(La vita è sogno - Calderon de la Barca)

Franca Rubino
Entra a far parte della Compagnia Vittorio Alfieri nel 2003 come responsabile di palcoscenico con “La follia del vivere”, cui seguiranno “La piccola Città” nel 2004, “Edipo Re” nel 2006, “La Locandiera” nel 2008 e “Il Re muore” nel 2009. Sarà presente col medesimo incarico alla messa in scena degli atti unici di Tolstoj e Cechov nel 2010.

Davide Bretti
Fotografo di scena e webmaster della Compagnia.
Entra a farne parte nel marzo 2010.